Tuesday, March 16, 2010

I Vini più venduti nel 2009 in Italia





Leggendo un post di Vino24 sono venuto a conoscenza di un report fatto uscire dall'associazione organizzatrice di Vinitaly, e credo sia interessante postarlo qua.
Secondo lo studio nell’anno 2009 tornano a crescere le vendite di vino a denominazione d’origine nei supermercati, dopo il crollo del 2008, con una crescita del 3,9% in volume e del 4,9% in valore rispetto all’anno precedente. Finalmente una bella notizia...

Sempre più Doc, Docg, Igt
Dalla ricerca emerge che l’italiano medio sceglie sempre più di acquistare tra gli scaffali del supermercato le bottiglie di vino a denominazione d’origine (Doc, Docg, Igt) spendendo in media 3 euro a bottiglia: non solo aumentano del 3,9% le vendite delle bottiglie da 0,75 litri, ma cresce la fascia di prezzo da 5 euro in su, facendo registrare un aumento dell’8,5% (in volume). Al contrario, le vendite di vino “da tavola” registrano una flessione del – 2,1%. Bene le bollicine con un aumento medio del 3,3% in volume (calano però le vendite di champagne ed aumenta del 5,3% lo spumante italiano metodo classico). Non sfondano invece le mezze bottiglie, le cui vendite nei supermercati scendono del 6% (sempre in volume).

Tra i primi tre posti di doc più venduti nel 2009 ci sono Lambrusco, Chianti e Montepulciano d’Abruzzo.

Vini emergenti
Tra i vini emergenti, cioè quelli con maggior tasso di crescita, troviamo ai primi tre posti il Negroamaro, il Syrah ed il Bianco di Custoza.

Questa analisi fa capire che forse la ripresa punta proprio su quel made in italy che tanto ci ha fatto conoscere, stai a vedere che quello che era venuto fuori dall'anteprima chianti classico era giusto? puntare sui cru per dare più valore ai nostri grandi vini.
Io principalmente acquisto prodotti autoctoni e mi diverto a scovare i doc e docg qualità prezzo migliori, quindi mi ritrovo nel target indicato in questo studio anche se molto difficilmente vado a comrpare vino nei posti di grande produzione.
E voi cosa ne pensate?

No comments:

Post a Comment

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...