Thursday, June 10, 2010

DiVini Profumi, alla scoperta del Carmignano


Come saltare un evento come DiVini Profumi che permette a tutti di conoscere la più piccola DOCG della Toscana?
Sabato 5 e Domenica 6 si è svolta la rassegna che festeggia proprio la DOCG di Carmignano. Una bella rassegna macchiata forse dal troppo caldo, ma bastava guardarsi intorno e capire che stava accadendo qualcosa di speciale...
A raccontarcelo qua sotto è l'amico Ruben Fossati che in vesti di appassionato degustatore si è fatto un bel giro per i banchi di assaggio e ci scrive qua sotto le sue impressioni...

Tanto per cominciare il nome della manifestazione è tutto un programma...DiVini Profumi, almeno per me, rappresenta una di quelle degustazioni che ogni anno aspetti ansiosamente ripensando a quella minuta DOCG, che rappresenta Carmignano e dintorni, pieno di romanticismo (basti pensare al piccolo borgo e la villa di Artimino) e denso di storia non soltanto vitivinicola. Per quest' anno la novità è stata la sua nuova location, quella del giardino Buonamici che rispetto agli anni passati (svoltasi presso il chiostro della chiesa di San Francesco) ha rappresentato il vero punto debole dell 'organizzazione a discapito delle temperature di servizio dei vini. Per il resto, c'è da notare una crescente conferma della qualità dei vini dei loro produttori.



Partiamo dai bianchi che, i migliori per la loro categoria sono stati:
Sassocarlo 2007 - Terre a Mano, Fattoria di Bacchereto
Da sole uve Trebbiano vendemmiate tardivamente; un vino interessante, intrigante di spiccata personalità da bersi a temperatura ambiente .

Trebbiano 2007 Tenuta di Capezzana
Anch'esso da sole uve Trebbiano, elegante ed avvolgente al tempo stesso con il giusto equilibrio tra acidità e morbidezza.

Bacano 2007 Podere Allocco
Mix di Chardonnay e Sauvignon Blanc vinificati in barrique, al naso svettano le classiche note del primo mentre in bocca sul finale si sente lo zampino dell'aromaticità ed acidità del secondo.



Per i rossi i miei consigli per gli acquisti sono:
Carmignano Riserva Elzana 2006 Fattoria Ambra
Rosso intenso di solida struttura con tannini finemente amalgamati, per dirla tutta: un gran bel bere! (per l'altra Riserva Vigne Alte di Montalbiolo ci sarà da attendere ancora un pò poichè ancora acerbo ma non di minor valore)...al momento il migliore in assoluto!

Carmignano Trefiano 2006 Tenuta di Capezzana
Come sopra ma "ai punti" soccombe rispetto all'Elzana, comunque sia anche questo un Carmignano old style da veri intenditori.

Carmignano Il Sasso 2007" Piaggia
Molto più addomesticabile rispetto al fratello maggiore "Piaggia Riserva 2006" ma di grande consistenza e piacevolezza, agli antipodi rispeto ai primi due; "new style".
Menzione d'onore invece è da attribuirsi al Pinot Nero 2007 - Villa di Bagnolo Marchesi Pancrazi per la sua tipicità; di grande estrazione ed elegante beva...assolutamente da provare!

Dulcis in fundo:
Vin Santo Occhio di Pernice 2004 Fattoria di Artimino
Il mio vin santo preferito (non me ne vogliano Avignonesi, Rocca di Montegrossi & Co. ma anche il portafoglio vuole la sua parte..)

Ljatico 2009 - Tenuta Le Farnete Enrico Pierazzuoli
New entry da sole uve aleatico...per la serie quando il substrato è buono anche i prodotti vengono di conseguenza...

Tirando le somme consiglio a chiunque di provare almeno una volta un Carmignano perchè la Toscana non è solo Chianti/Chianti Classico. Brunello di Montalcino e Bolgheri...perciò concludo con uno slogan che potrebbe tranquillamente adottare il consorzio o la strada dei vini e dei sapori di Carmignano:-"Bevi bene, bevi sano, bevi solo Carmignano!"

A presto ;)

3 comments:

  1. concordo Ruben, il Carmignano fa parte delle DOCeG storiche della Toscana (Bando sui confini del 1716)e merita non meno delle altre! Grazie per le novità, non sapevo dell'Aleatico di Perazzuoli.
    Alessandro

    ReplyDelete
  2. Hehe, attenzione Alessandro, Ruben è un pezzo da 90 per queste scoperte ;)

    ReplyDelete
  3. l'azienda a Cantagallo di Enrico Pierazzuoli è stata la prima che ho visitato con l'Ais nel 2003 durante il corso di primo livello :) allora facevano un Riesling Italico molto aromatico che mi colpì molto, ma che poi non hanno più fatto :( mi stupisce sempre questa azienda!;)

    ReplyDelete

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...