Tuesday, June 1, 2010

Sorriso Rosato Mattia Barzaghi '09


Il caldo è arrivato ormai, è il primo di Giugno, e si fa sentire sia con la temperatura che a tavola. A casa Borgianni stasera si mangia un carpaccio di polpo niente male e nel pensare a cosa aprire per l'occasione mi è venuto in mente un vino di un amico di Grappolo Rosso, il rosato Sorriso di Mattia Barzaghi...

Nel bicchiere il vino si presenta con un rosa tenue e limpido che da a questo rosato un bel tocco di eleganza.
Un Sangiovese in purezza che si fa sentire gentilmente subito al naso, i suoi sentori di rosa e fiori freschi ti trasportano, se chiudi gli occhi, in un luogo lontano dalle mura domestiche.
In bocca la sua freschezza, come in gran parte dei rosati, ne fa da padrona, una buonissima bevibilità ed una sapidità inconfondibile dello stile di fare vino di Mattia.
Insomma, un rosato che si difende bene. Se ha qualcosa che gli manca forse è il colore ma per il resto, in un luogo dove si fa Vernaccia, e sicuramente tra le migliori vernacce in circolazione, non è da tutti difendersi così anche con un rosato che, con un carpaccino di polpo ci sta che è una meraviglia ;)

A presto...



4 comments:

  1. Piac!;)

    da "Il Sommelier - Nozioni Generali" testo dell'Ais (5a ediz.del 2001):... la tipica colorazione di questi vini si ottiene attraverso una vinificazione in bianco di uve rosse (v'è anche il Sangiovese bianco!!;), mescolando uve rosse e uve bianche (vedi Champagne), o realizzando una vinificazione in cui solo una parte piuttosto ridotta delle uve subisce la macerazione ( vini Friulani, ma ora molto diffusa in tutte le regioni). Il prodotto finale potrà avere un colore più o meno intenso a seconda della tecnica utilizzata e...del tempo...di contatto delle bucce col mosto. Si distinguono infatti i rosa chiaretto, più simili a vini rossi (vedi Biondi Santi), e i rosa cerasuolo, più simili ai vini bianchi."
    Aggiungo io che, i vini rosati non sono assolutamente da considerarsi di qualità inferiore, e la tecnica che oggi ha preso più piede per la produzione di rosati importanti è quella del salasso (o saignée in francese) che consiste nel prelevare una piccola quantità di mosto prodotto da uve rosse (...).

    ReplyDelete
  2. Il rosato mio caro è un prodotto che sta andando molto ma che non solo per moda si merita il successo che sta avendo...

    ReplyDelete
  3. parole sante, Jury! i francesi, che l'hanno sempre fatto, ci insegnano. e poi c'è lo Champagne!!

    ReplyDelete
  4. questo mi manca, non vedo l'ora di assaggiarlo;)

    ReplyDelete

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...