Tuesday, June 8, 2010

TerroirVino Libiam


Ieri è terminata una delle manifestazioni più belle e divertenti alle quali abbia mai partecipato. Una manifestazione senza grandi fronzoli pronta a percepire quello che è giusto percepire. Pronta a darti emozioni di fronte ad un vino a te sconosciuto ma soprattutto pronta al confronto, sempre informale, con gli altri.
Terroir Vino a Genova, il porto antico ieri e domenica ospitava Wine Blogger, giornalisti, produttori, garage produttori e tanta, tanta simpatia...

In partenza soltanto in due, siamo usciti dai magazzini del cotone che eravamo molti di più.
Il gruppo si è composto mano a mano sempre più di persone che ridendo e scherzando hanno assaggiato veramente tutto quello che di assaggiabile c'era. Una compagnia d' eccezione, Mauro Mattei guidava il gruppo insieme al twitterista Tirebouchon ed il grande Dan Lerner, poi ovviamente il pubblico mano a mano saliva, sembravamo uno sciame di api che goloso si spostava di fiore in fiore. E infatti di bei fiori ce ne sono stati. Ne cito qualcuno...
Rivelatore senza dubbio la sfilza di Lambruschi e i metodo classico dell'Emilia Romagna, sembra impossibile come da Toscano, devo andare in Liguria per scoprire la Romagna :)
Ovviamente emozionante i dolcetti di Dogliani di San Fereolo, una verticale partita dal '98 ed arrivata al '06, mi ha fatto ricredere sulla longevità di questo grande vino piemontese.
Ma quando ormai lo sciame contava circa 20 anime, tutto questo è esploso in un generale Libiam ne' lieti calici con lo stappare una magnum di Franciacorta del '90 di Mosnel.



Signori, emozioni da adulti. Un grazie a Filippo Ronco che ha permesso tutto questo ed un rinnovato augurio di ribeccarci presto a tutto il resto della ciurma.

A presto ;)



9 comments:

  1. Ciao Jury, è vero, il clima che si respirava ieri a Terroirvino è stato sincero, di quelli che raramente si istaurano in manifestazioni più impostate tra produttori e pubblico vario. Mi è piaciuto tanto anche a me, e faccio i complimenti a tutti, organizzatori e partecipanti, Filippo in testa! E sinceri sono stati i vini e i prodotti agroalimentari che ho avuto modo di assaggiare: dal Pesto Genovese ai formaggi piemontesi, dalle birre artigianali alle confetture, dall'oli agli aceti, cioccolata e, chiaramente i tanti vini, più o meno famosi, rossi bianchi rosati dolci e bollicine, bio, ho assaggiato anche i Garage!;) Alcune bottiglie che mi hanno colpito in particolar modo: Lavico Sgiovese puro e Lapillo Sg e Cabernet S. dell'Amiata, belli davvero! I Vermentini, Pigato e Spigau di Le Rocche del Gatto, strepitosi! I bianchi sulle bucce di Bressan Gorizia! Gli Sloveni Joannes e Zanut, bellissimi Riesling e non solo!! I Vini della Val d'Aosta, Pinot Nero, Fumin, insomma tutti!!! Villscheiderhof di Bressanone!!!! I godibilissimi Rossi e i Brunello di Pecci; il Rosato di La Porta di Vertine, ma non solo; il Tempranillo di Pietro Beconcini!!!!!Mosnel e il brut magnum del 1990!!!!!!!!!solo per dirne alcuni........
    Alessandro

    ReplyDelete
  2. Grazie anche da parte di Eva& Leonardo Beconcini per essere passati a trovarci!! e grazie per tutte le domande sui nostri tempranillo!..anche se ci definiamo sangiovesisti da sempre e produttori anche di un grande sangiovese che è il Reciso, l'incontro casuale con il tempranillo a San Miniato ci ha regalato una grande possibilità!Vi aspettiamo in azienda!

    ReplyDelete
  3. Esatto Eva&Leonardo, il Tempranillo è una grande opportunità per far conoscere un territorio che pur facendo ottimi sangiovese e surclassato di popolarità da altri luoghi più ovvi, chissà con il Vigna le Nicchie...

    ReplyDelete
  4. Grazie a voi per aver partecipato.
    Abbiamo fatto del nostro meglio, per me l'importante è che passi proprio questo, il clima amichevole e informale e leggere le vostre parole mi rinfranca, anche dopo una fatica difficile da spiegare.

    Un forte abbraccio, Fil.

    ReplyDelete
  5. Ciao Jury,
    un clima fantastico! E' stato un piacere conoscerti di persona! Keep in touch!

    ReplyDelete
  6. Anche per me Alessandro, anzi, sicuramente avremo modo di riorganizzare una rimpatriata di questa fantastica ciurma... ;)

    ReplyDelete
  7. Mi ha fatto molto piacere condividere con voi il nostro Brut 1990 e vi aspetto in Franciacorta per farvi assaggiare il resto.
    A presto,
    Lucia

    ReplyDelete
  8. con grande piacere Lucia!
    un saluto dalla Toscana,
    Alessandro Zingoni

    ReplyDelete
  9. Con piacere Lucia, per me è stato un onore poter partecipare al brindisi della '90.
    Quanto per venire a trovarvi, bhé, stò già noleggiando un pulmino per caricare tutti gli amici di Grappolo Rosso e venire da voi! :)

    ReplyDelete

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...