Thursday, August 19, 2010

Carignano del Sulcis in purezza Buio Buio '08 Az. Mesa, Il rosso sardo non è solo Cannonau

Se parliamo di rossi Sardi ci viene subito in mente il Cannonau, ma la Sardegna non è soltanto Cannonau e Vermentino, ci sono un sacco di vitigni, alcuni minori ed altri no, che colorano quest'isola fata di storia e tradizioni, sapori e colori che vengono da tutto il mediterraneo. Oggi proponiamo il Buio Buio '08 dell'azienda Mesa, che propone in questa bottiglia un Carignano del Sulcis in purezza. Ma prima di passare alla degustazione credo sia indispensabile capire la provenienza e la storia di questo vitigno...
La provenienza del Carignano è da cercare nelle sponde meridionali del Mediterraneo dalle quali salì poi in Spagna nel XII secolo ca. Pare che la sua culla sia stata la citta di Carifiera nell'Aragona, dove è stato particolarmente apprezzato tanto da diffondersi fino ai Pirenei Orientali e nel Sud della Francia tanto da essere attualmente uno dei vitigni più diffusi nell'oltralpe. Il suo nome varia da zona a zona, Carignane nelle Americhe, Carinena in Spagna e Carignan in Francia. Il Carignano in Sardegna fu portato dagli Spagnoli con il nome di Uva di Spagna. E' un vitigno che generalmente ha un'alta produzione e viene coltivato nella parte Sud-Occidentale della Sardegna denominata Sulcis. Conosciuto maggiormente per le sue potenzialità da taglio, ma appartiene anche ad una DOC, la DOC di Carignano del Sulcis.

Ma passiamo alla degustazione...
Un colore Rubino con riflessi violacei. Al primo naso si scorgono sentori di polvere da sparo. Si evolve liberando sentori erbacei, frutta sotto spirito, note tostate, legno tostato, profumi caldi.
In bocca entra con una bella forza alcolica, riscalda il palato graffiandolo con un tannino ben definito. Buona anche l'acidità. Una bocca contrassegnata sempre dal tannino e da un finale con una punta amarognola. Buona la persistenza e nonostante la nota amara sul finale lascia comunque una bella freschezza. Un vino didattico, utile per capire certi tagli sardi e che potenzialità organolettiche può avere un vino simile. Un vino che senza piatti saporiti è difficile comprendere.

Un vino da accompagnare ovviamente da una specialità sarda, il famoso porceddu!!!
il costo di circa 19€ ne fa comunque un vino interessante ma non certo regalato.

A presto... ;)

No comments:

Post a Comment

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...