Wednesday, November 10, 2010

Carat '04 Mastri Vinai Bressan

Mi sono innamorato di questo produttore al Terroir vino 2010 quando Vittorio, alias Tirebouchon disse a Dan, "Portaci ad assaggiare un vino che emoziona!". E Dan lo fece... Forte la mano di Bressan quando strinse la mia prima di iniziare un viaggio nei suoi vini. Da quel giorno sono rimasto come folgorato dai suoi vini, ormai entrati nella lista dei vini Santo Graal, difficili da trovare quanto preziosi e da non farseli scappare quando li trovi...
A Merano quasi per caso ho trovato uno shop che li vendeva e non ho potuto fare a meno che svaligiarlo portando via alcune bottiglie di questa bellissima azienda.
Una tra tutte, il Carat 2004 ottenuto da Tocai Friulano, Malvasia e Ribolla Gialla.
Ma passiamo alla degustazione...
Dal colore giallo dorato brillannte con riflessi ambrati.
Al primo naso si percepisce immediatamente una lieve nota di idrocarburo, polvere da sparo, sentori mandorlati. In evoluzione continua nel bicchiere si percepiscono sentori di macchia mediterranea, ragia di pino, sentori caldi di frutta matura, albicocca, pesca noce, mela deliziosa. Un bouquet evolutissimo, una certa speziatura, con una punta legnosa molto fine ed elegante. Frutta candita e lievi sentori tartufati.
In bocca è fresco, elegante, di grande acidità, gran cuore e finale lunghissimo, un finale che lascia una bocca pulita e pronta al secondo sorso.
Un capolavoro.
Degustato e accompagnato da un tagliolino al tartufo, direi è stato un azzardo fortunato :)

Questo post lo dedico a Dan, amico e maestro di tante degustazioni...

A presto ;)

4 comments:

  1. Anch'io ho avuto il piacere di stringere la mano a Fulvio Bressan ed ho sempre in mente il suo Verduzzo friulano.

    ReplyDelete
  2. Beh, che dire Jury... del vino, dei vini, di Fulvio hai già detto tutto con ammirevole sintesi.
    A me non resta che ringraziarti, con sincera emozione per le tue parole.

    ReplyDelete
  3. Emozione tutta mia Dan quando ho il privilegio di confrontarmi con te nei banchi di assaggio!
    Alla prossima!!!

    ReplyDelete

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...