Thursday, November 11, 2010

When in Rhône... Cuvée LOUIS Champagne TARLANT


Riprendiamo la rubrica francese e parliamo un pò di bollicine.
Non poteva certo mancare lo Champagne se parliamo di Francia ed il nostro inviato, come al solito, non si fa mancare niente.
Quindi...
A te la linea Alessandro!!!
Ripropongo con piacere una “bottiglia” (scolata fino all’ultima goccia) di un produttore storico vigneron indépendant di Oeuilly, villaggio nel cuore della Vallée de la Marne, ben noto agli amanti della materia (con le bollicine) e che ho avuto l’onore di conoscere anch'io: Monsieur Benoit Tarlant.

“Degustato a tutto pasto per le festività della Pasqua (2010), a più riprese con vol au vent ripieni con salsiccia e stracchino, spinaci e ricotta; lasagne al forno; costolette d’agnello con carciofi fritti - thanks mam - e formaggi vari, si è rivelato ancora più bello di come me l’aspettavo (memore della recente visita con degustazione alla cantina durante un indimenticabile gita-studio Ais-CIVC), ovvero, un vino con personalità e d’identità territoriale ben marcata, ricco di sostanza ed eleganza nel contempo, complesso negli aromi e intenso al gusto.

Veste brillante color giallo paglierino con sfumature oro antico; soffice e abbondante la spuma; perlage fitto con catenelle da manuale (ovvero bollicine fini, numerose e persistenti) e bella persistente anche la collarette.
Netti e pungenti i sentori minerali al naso, gesso su tutti; bouquet di frutta a bacca rossa di bosco: mirtilli, fragoline… , e a polpa gialla matura: mix di susina, mango, pompelmo, banana... E ancora, lieviti sfumati, note empireumatiche ben integrate, sensazioni eteree avvolte da una punta ossidativa infinitamente intrigante.
In bocca si caratterizza per notevole freschezza acida e struttura, rotondità e delicata pungenza al palato; godibile nell’esaltazione delle sensazioni olfattive dal retrogusto deciso; equilibrio, intensità e persistenza in armonia nel complesso. Una Selezione di prestigio, un vin nature “con l’anima”. Mi è piaciuto davvero tanto. Scontato?”



Sul retro etichetta :

Terroir: Craie, lieu-dit unique “les Crayons”
Cépages: 50% Chardonnay, 50% Pinot Noir
Culture de la vigne respectueuse de l’environnement Vendanges: 1997 & 1996
Vinification: l ère fermentation en futs, sans fermentation malolactique Mise en bouteilles à la propriété: Mai 1998
Dégorgement: October 2007
Dosage: 5,7 g/l Brut
Alc. 12% vol. – 750 ml
Pour votre plaisir, cette bouteille peut encore vieillir plus de 5 ans
Notes: Champagne d’exception, ample, mature et complexe
Hommage à Louis Tarlant vigneron créateur - Vignerons depuis 1687
Cuvée élaborée par Jean-Mary Tarlant (Père et Fils) – 11éme génération de
vignerons – Oeuilly – Marne
Produit de France

A presto... ;)

5 comments:

  1. Scusate la volgarità!
    Preferisco un bel Prosecco di Conegliano

    ReplyDelete
  2. perchè volgarità, non lo è mica :) come dirti, il gusto è come una scala, sale e scende di intensità.. e complessità, si va dal Prosecco a lo Champagne. tranquilla, prova sempre.. tutti e due ;)

    ReplyDelete
  3. Alessandro tu che sei un amante di bollicine come me (Tarlant grande bollicina) ti invito a provare
    Andrea Arici & Casa Caterina una bella esperienza!

    ReplyDelete
  4. Si Attoadivenire con piacere molto volentieri alla prima occasione in compagnia o da solo. Grazie ciao

    ReplyDelete
  5. Semplicemente volevo dire che "Sul retro etichetta" è un copiaincolla naturale, bio :), cioè, fedelmente riportato dalla bottiglia e trascritto a mano, da me.

    ReplyDelete

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...