Monday, January 10, 2011

Luenzo ‘04 Vincenzo Cesani

Un vino marchiato Toscana, regione che il nostro inviato conosce molto bene e che spesso ci propone in queste perle enologiche.
Mi piace quando un vino racconta un territorio e sono fiero quando questi vini vengono raccontati proprio qua su Grappolo Rosso.
Ringraziando l'inviato non mi resta altro che dire...
A te la linea Alessandro!!!

IGT Rosso toscano da uve selezionate di Sangiovese con taglio di Colorino in prevalenza, maturazione in barrique e affinamento in bottiglia.

L’Azienda che lo produce, immersa nella campagna toscana in una vera e propria oasi di bellezza paesaggistica tra le colline di San Gimignano, è l’Agricola Vincenzo Cesani. Coadiuvato dalla splendida famiglia, opera da cinquant’anni con rinnovata determinazione e attaccamento al territorio nel piccolo centro di Pancole (cesani.it e agriturismo-sangimignano.com). L’attenzione all’ambiente qui non è uno slogan e la cura amorevole nelle lavorazioni, dal campo al prodotto finale, ne fanno una realtà di qualità davvero ammirevole.
Lo si trova tra i Recommended sulla rivista britannica Decanter nel numero di Aprile 2008 (e non è poco); il mio modesto parere, di questa bottiglia acquistata alla cantina, non è lo stesso, qualcosa non mi ha convinto; a differenza del 2003 che, invece, è stato quello che mi ha fatto letteralmente innamorare: un vino strepitoso! (come pochi altri ho sentito di quest’annata compromessa dall’eccezionalità del clima torrido). Più che positivo il ricordo che ho del Luenzo 2005, l’ultimo che ho assaggiato. Attualmente è in commercio il 2007.

Un bouquet mix di ciliegie e bacche scure, un po’ troppo coperto dall’alcol, pecca in intensità e complessità olfattiva. Rubino squillante sfumato al granato il colore, vivo e consistente. Alla beva lo trovo un po’ sfuggente, sbilanciato verso le componenti dure, dal gusto corrispondente a un buon frutto maturo, tannico e un po’ austero, dal finale tendente all’amaro, pulito e asciutto. Si contraddistingue per freschezza gustativa che sprigiona in tutta la sua bella acidità e sapidità netta, ampliata da un’altrettanta decisa mineralità che rimanda all’altro autoctono principe di questo territorio che è la Vernaccia di San Gimignano e al suo spiccato sentore di pietra focaia.

Della gamma di vini Vincenzo Cesani, oltre agli splendidi Olio Extra Vergine di Oliva, gelatine di vino e Zafferano puro, sono ottimi, in un crescendo gustativo: Chianti Colli Senesi DOCG per rapporto qualità/prezzo e versatilità a tavola; Ciliegiolo Cerisè IGT piacevolissimo e Cèllori DOC freschissimo, non servono parole, provare per credere! E poi, l’elegante e fine e sempre emozionante Vernaccia di San Gimignano: “base” DOCG e “Riserva” Sanice.

A presto... ;)

2 comments:

  1. Camperso rosso - per un consumo quotidiano - è l'ultimo nato. Da assaggiare.

    ReplyDelete
  2. Nuovo il Rosato!..da assaggiare!!

    ReplyDelete

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...