Monday, January 3, 2011

Nocio dei Boscarelli 2001

Ricominciamo l'anno come abbiamo lasciato l'ormai passato 2010, con l'inviato che dalla sua passione ci fa conoscere un vino che vale davvero la pena ascoltare. Bevuto con il suo fratello che vive oltre oceano ed in compagnia del suo amato nipotino...
A te la linea Alessandro!!!
Vino Nobile di Montepulciano a DOCG dei Marchesi De Ferrari Corradi, Cru di Sangiovese “Vigneto del Nocio” (antico albero di noce) situato in quel di Cervognano di Montepulciano (provincia di Siena).
Finalmente l’ho aperta. E finalmente ho potuto godere di questo vino eccelso come lo ricordavo. Sangiovese di quelli come piacciono a me e come dovrebbe essere sempre, aggiungo io, che il tempo ha saputo esaltare nella sua interezza. Bottiglia magnum acquistata ai Poderi Boscarelli in visita con la delegazione Ais di Pisa qualche anno fa, ospiti dei patron i fratelli Luca e Nicolò , l’ho bevuto in famiglia approfittando di questi giorni di eccessi culinari di fine anno appena trascorso, e, a dimostrazione della sua piacevolezza, è finito in men che non si dica! Come non scriverne?

Bello e invitante nel colore rosso evoluto granato traslucido ancora vivo e luminoso.
Discreto nelle note olfattive rarefatte di fiori appassiti, terrose e di sottobosco, speziate e fruttate di bacca scura e ciliegia sotto spirito. Alla beva è di più di come me lo aspettavo. Solido e vibrante, largo e gustoso nonostante una lieve nota ossidativa che non lo ha inficiato affatto, anzi, lo ha arricchito nella sua bella evoluzione dal sapore fruttato lungamente gentile e piacevolmente minerale, con materia e tannini fine e vellutati ma che non hanno nascosto quella sua natura un po’ spigolosa che lo fa essere un -toscano di razza- come pochi altri.
Eleganza è la parola giusta per riassumerlo a conclusione di questo nettare di puro Sangiovese che ho apprezzato tantissimo.

A presto... ;)

8 comments:

  1. Gran bella bottiglia e grandissimo vino, uno dei miei preferiti...anche io in cantina ho l'ultima bottiglia....ti chiedo un consiglio...Pensi che sia l'ora di aprirla o posso aspettare un altro po', poichè anche io mi ricordo quando l'ho acquistato e degustato di un "toscano di razza" nonostante l'annata che spesso ha creato vini equilibrati...Ciao Attoadivenire

    ReplyDelete
  2. Ciao, durante queste feste ho aperto qualche Sangiovese datato, o comunque a maggioranza tipo il Tignanello '98, premesso come ben sai che una attenta conservazione è fondamentale per la riuscita del vino nel tempo, sono arrivato alla conclusione che per i vini di questa tipologia -è meglio non andare oltre i dieci anni-, non so per un Brunello Riserva. Per me il problema non si pone perchè non ne ho più in cantina :)(.

    ReplyDelete
  3. A proposito di Sangiovese senti i vini Amiata e poi dimmi!

    ReplyDelete
  4. Gran bei vini, ne parlasti tempo fa proprio qua su Grappolo Rosso

    ReplyDelete
  5. Bene ho deciso va aperta!
    Amiata mi incuriosisce:)
    Ciao Grazie Ale.

    ReplyDelete
  6. Ohh, ma il Lapillo 2007 a distanza di giorni è ancora strepitoso!!!

    ReplyDelete
  7. Il Sangiovese è sempre il Sangiovese, maiuscolo in tutto!!!

    ReplyDelete
  8. Mi fai sorridere di piacere toscanaccia, anzi livornesaccia ;) scherzo. E' vero, parole sagge le tue, anche se non sempre e dappertutto si esprime al meglio e poi ci mettiamo tanto del nostro per sminuirlo. Boscarelli cmq lavora bene.

    ReplyDelete

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...