Monday, March 21, 2011

Alessandro Boido ed il suo Ca' d' Gal

Chissà perché tutti ricordano la sua stretta di mano, tanto forte quanto genuina. Non puoi che essere così, forte e genuino quando ti metti in testa di tirare fuori un Moscato d'Asti come quelli di Ca' d' Gal...

Ca' d' Gal, nel cuore del cuneese, dove il tempo si è fermato a qualche decennio fa, si respira un'aria amichevole e Alessandro, con la cordialità che lo contraddistingue ti fa sentire sicuramente a casa tua.
Ca' d' Gal, Cascina del Gallo, come veniva chiamato il nonno di Alessandro, considerato il pacere della borgata, chi aveva qualche problema o qualche scaramuccia andava da lui per chiarire tutto.
La superficie vitata è di circa 10 Ettari dai quali Alessandro con grande attenzione cura ogni piccolo dettaglio. Quasi interamente devoluti alla produzione del Moscato d'Asti. Il prodotto di punta è sicuramente il Vigna Vecchia, grandissima interpretazione di questo tipo di vino dal quale Alessandro è riuscito, grazie all'esperienza cresciuta nel tempo, a valorizzarlo e vinificarlo come un vero e proprio vino langarolo. il Vigna Vecchia viene colto da un unico appezzamento di vite, e sembra impossibile, ed è proprio questo che rende speciale questo Moscato, che venga trattato come un vero e proprio Cru.
Pezzi aimé più unici che rari, che valorizzano come si deve questo vino che solitamente siamo abituati ad accompagnarlo a fine pasto con dolci in realtà sta bene anche con molte altre cose. Per sfatare questo mito che il Moscato d'Asti è un vino da poca considerazione e che non si evolve nel tempo, vi racconterò nei prossimi giorni una verticale fatta proprio con il Vigna Vecchia di Ca' d' Gal...

A presto... ;)

4 comments:

  1. un moscato semplicemente spettacolare...

    ReplyDelete
  2. E domani verrà raccontata una verticale da paura! :)
    Stat tuned...

    ReplyDelete
  3. Gran vino, ragazzi!

    Aspetto la verticale, allora... ;-)

    ReplyDelete
  4. Alessandro vedrai... :) hai deciso poi che giorni ti farai al vinitaly?

    ReplyDelete

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...