Monday, May 9, 2011

Ciro Picariello l'artigiano del vino...

E se a sconvolgervi fosse proprio un vino che non vi aspettereste mai?
Chi non ha mai bevuto un Fiano e a chi non piace? probabilmente a nessuno.
Ma dietro alla sua piacevolezza si nasconde un vino che sa raccontare una storia e forse qualcuna in più...

Sicuramente i vini di Picariello hanno da raccontare molte storie, fatte di territorio ma soprattutto di annate, alcune calde, altre meno e qualcuna eccellente.
Ciro Picariello, un produttore naturale. Viene considerato l'artigiano del vino e assaggiando una verticale del suo Fiano, che racconteremo presto su questo blog, ti accorgi del perché viene chiamato così.
I suoi vini estremamente autentici, portano con se la storia delle annate con un'unico filo conduttore, la genuinità.
Ciro Picariello sul suo fiano non fa chiarificazione, le sue viti sono localizzate sul monte Fredane, è un'artigiano del vino sì ma non si riconosce come un biodinamico, tutto questo a dimostrazione che non segue la moda...

Di più non so e non voglio dirvi. Per conoscere meglio Ciro potrete seguire il viaggio fatto atttraverso 6 annate del suo Fiano...

A presto... ;)

5 comments:

  1. Non vedo l'ora di saperne di +...mi sa che ha pure un prezzo interessante!
    Volevo suggerire un produttore (Macinatico) di Vernaccia di San Gimignano ad "Atto A Divenire" dato che gli manca...
    http://www.intravino.com/assaggi/anteprime-toscane-2011-la-vernaccia-di-san-gimignano-doc/

    ReplyDelete
  2. Non vedo l'ora di leggere quello che ne pensi, avendo partecipato anche io alla serata.

    ReplyDelete
  3. Gran Fiano, il suo.

    Se posso permettermi, vi invito ad assaggiare insieme il 2008 di Ciro Picariello (e altri 5 Fiano di 5 annate diverse) a Degustazioni dal basso.
    A Genova, durante Terroir Vino, il 13 giugno.

    ReplyDelete
  4. Sicuramente verrò a Terroir Vino sempre se Jury mi accompagna ;)

    Ruben hai ragione mi manca una Vernaccia e ti ringrazio per il suggerimento.

    ReplyDelete
  5. Cheddì ci sarò a terroir vino, tappa ormai obbligatoria...

    ReplyDelete

Contribuisci ad arricchire la discussione, lascia un commento...